La grande abbuffata

Il discorso sul mio rapporto con la censura è lungo e complesso, richiederà molti interventi e una certa dose di calma e tempo che al momento mi mancano… ma comprendere a fondo questo rapporto sarà fondamentale nel mio percorso…

Partiamo da qui. Sono pochi i film di cui posso definirmi totalmente e follemente innamorata. Il mio approccio con Ferreri è partito nel peggiore dei modi, con due giorni filati di nausea dopo aver visto meno di metà de ‘L’ultima donna’… sarà l’allergia ai cetrioli… o l’impatto con qualcosa di cui neppure concepivo l’esistenza… un prodotto capace di scioccare ma che al tempo stesso si insinua nella mente, nelle viscere, in una miriade di riflessioni… dalle quali esce prepotente una sola parola… arte.

E ho ritentato un approccio con Ferreri pochi mesi dopo… il risultato è stato vedere il film, lasciar scorrere i titoli di coda, riavvolgere il nastro e rivederlo da capo. Un amore a prima vista che ancora oggi non mi abbandona. Un capolavoro artistico sull’istinto naturale dell’uomo all’autodistruzione, a fronte di una vita senza spiragli, senza ambizioni, senza sogni… ma mai, mai, MAI, senza amore.

 

La grande abbuffataultima modifica: 2009-04-16T21:53:35+02:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento