Davide

Si chiamava Davide ed era siciliano. Non ci siamo mai incontrati, ma alcuni anni fa abbiamo avuto uno scambio di mail per qualche mese. Non ricordo nemmeno come iniziò, tantomeno come finì. Stasera ho avuto modo di rileggerne due o tre, e le sue parole mi hanno fatta sorridere. Allora ero piena di dubbi, con la perenne sensazione di essere diversa dagli altri. E oggi mi ritrovo stranamente colpita da una sua frase: forse non sei tu che sei diversa, è solo che finora sei stata circondata dalla gente sbagliata.

Non è superbia, o meglio, non lo è del tutto. E’ che quando vivi circondata solo da persone di un certo tipo, arrivi in prima liceo convinta che prendere i Sacramenti sia obbligatorio per legge, e quando provi a metterti in discussione ti viene detto da più fonti che ‘non è così che funziona’, allora pensi che tu sei quella che gira controcorrente in un mondo che procede nella direzione opposta.

Poi cresci, e ti ritrovi a frequentare ambienti diversi, persone diverse. E qui devi scegliere: c’è chi le frequenta lo stretto necessario, per poi tornare nel proprio cantuccio convinto/a che solo lì può essere veramente felice, e c’è chi prova a mettersi in gioco, a confrontarsi, a capire cose nuove e soprattutto ad avere l’umiltà di ammettere di aver commesso alcuni errori nel proprio giudizio o nelle proprie scelte.

Ora, non esiste gente di per sé ‘giusta’ o ‘sbagliata’. Esistono però contesti ‘giusti’ e contesti ‘sbagliati’, e soprattutto esistono modi ‘giusti’ e ‘sbagliati’ di rapportarsi con gli altri e di considerare gli altri. Ma non a livello assoluto, naturalmente. Ogni persona ha il proprio modo, ed è proprio il fatto che siamo tutti diversi, in fondo, a rendere l’umanità così straordinariamente interessante.

Davideultima modifica: 2009-07-23T21:36:05+02:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Davide

  1. Ricordo benissimo quella corrispondenza… 😉
    Lieto di averti ritrovata! (Ma tu come hai fatto a scovare il mio Twitter?)

    P.S. Sulla gente “sbagliata” non mi pronuncerò qui, né adesso. Anche perché non sono più convinto dell’esistenza del Giusto.

Lascia un commento