Lo Zen e l’arte di criticare

Pozzanghere (Storia Zen)

Un giorno due monaci camminavano per una strada di campagna mentre pioveva a dirotto. Ad una svolta della via, videro a un tratto una ragazza, giovane e bella, che esitava nel superare una vasta pozzanghera.
«T’aiuto io, ragazza», disse uno dei due monaci, e senza esitare la prese tra le braccia e la depose dall’altro lato del pantano.
L’altro monaco non disse nulla. Ripresero la strada fino a che, a sera, non giunsero in un tempio a pregare. Terminata l’orazione, finalmente sbottò: «Fratello, sai bene che noi monaci non dobbiamo avere familiarità con donne; e soprattutto con quelle giovani e graziose. Perché dunque lo hai fatto?».
L’altro rispose: «Io quella ragazza l’ho lasciata laggiù. Non ti accorgi che tu la stai ancora portando con te?».

Lo Zen e l’arte di criticareultima modifica: 2009-09-03T15:15:42+02:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento