Un altro paesaggio che adoro

Due giorni fa ho preso, come ormai faccio praticamente ogni weekend, il treno destinazione Tigullio. Normalmente mi devo sorbire la trafila delle piccole località, Sturla-Quarto-Quinto in prima battuta, Bogliasco-Pieve-Sori in seconda.

Sabato invece non ho guardato quali fermate il treno faceva. E dopo qualche minuto di viaggio da Brignole, alzo gli occhi pensando di essere ancora immersa nei caseggiati di Sturla, e mi ritrovo a Nervi. Il mare da un lato, il parco dall’altro: una delle viste più belle della mia vita. Sono stata incollata al finestrino fino a Recco, altro paesaggio che ha dell’incredibile.

E mi veniva quasi da ridere ripensando al passato, a quando andavo al liceo a Sampierdarena, e per me vedere quel tratto di mare che si osserva passando in zona DiNegro, quelle rare volte che prendevo il treno fino a Principe o Brignole, mi sembrava qualcosa di incredibile. Quando di panorami se n’è visti pochi, anche il più apparentemente banale sembra meraviglioso. E ora che ne sto vedendo tanti, mi incanto in dettagli di cui prima non sospettavo l’esistenza.

Una lezione che non devo scordare mai…

Un altro paesaggio che adoroultima modifica: 2009-09-07T16:45:44+02:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Un altro paesaggio che adoro

  1. Ultimamente mi è capitato di venire a Genova non in macchina ma proprio col treno e ogni volta resto incantata al finestrino a riguardare questi stessi panorami che anni fa consideravo comuni (li vedevo sempre!). C’è anche il tratto (venendo da più lontano) delle cinque terre dove le gallerie si alternano a scoscese sul mare da levare il fiato dalla bellezza!

Lascia un commento