Se solo fosse vero

Mio caro Arthur,

quando leggerai questa lettera, so che una parte in fondo a te sarà molto arrabbiata con me per averti fatto questo brutto scherzo. Mio Arthur, questa è la mia ultima lettera e il mio testamento d’amore.

La mia anima vola via scortata da tutta la felicità che mi hai dato. La vita è meravigliosa, Arthur, ce ne accorgiamo quando se ne va in punta di piedi, ma la vita si gusta con l’appetito di tutti i giorni.

In certi momenti ci ha fatto dubitare di ogni cosa, ma, amore mio, non darti mai per vinto. Dal giorno in cui sei nato ho visto nei tuoi occhi questa luca, che fa di te un ragazzino così diverso dagli altri. Ti ho visto cadere e rialzarti stringendo i denti, là dove qualsiasi bambino avrebbe pianto. Questo coraggio è la tua forza, ma anche la tua debolezza. Stai in guardia, le emozioni sono fatte per essere condivise, la forza e il coraggio sono come due bastoni che possono ritorcersi contro chi li usa male. Anche gli uomini hanno il diritto di piangere, anche gli uomini conoscono l’infelicità.

Da questo momento non sarò più lì con te per rispondere alle tue domande di bambino, è arrivato il momento di diventare un uomo.

In questo lungo viaggio che ti aspetta, non perdere mai il tuo spirito di bambino, non dimenticare i sogni, saranno il motore della tua esistenza, saranno il gusto e il profumo delle tue mattine.

Presto conoscerai un altro modo d’amare, diverso da quello che provi per me, e, arrivato quel giorno, condividilo con chi ti amerà; i sogni vissuti in due diventano i ricordi più belli. La solitudine è un giardino dove l’anima diventa secca, e i fiori che vi crescono non hanno profumo.

L’amore ha un gusto meraviglioso, ricorda che per ricevere bisogna dare, ricorda che per poter amare bisogna essere sé stessi. Tesoro, affidati all’istinto, sii fedele alla tua coscienza e alle tue emozioni, vivi la tua vita, non ne avrai che una. Sei responsabile di te stesso e di quelli che amerai. Sii degno, ama, non perdere quello sguardo che ci univa quando guardavamo l’alba. Ricorda le ore trascorse insieme a potare il roseto, a scrutare la luna, a conoscei il profumo dei fiori e i rumori della casa. Queste sono cose semplici, forse antiquate, ma non lasciare che le persone inasprite o disilluse snaturino quegli istanti magici per chi li sa vivere. Quei momenti hanno un nome, Arthur, “stupore”, e sta solo a te fare in modo che la tua vita sia un continuo stupore. Il gusto più grande del lungo viaggio che ti aspetta.

Ragazzo mio, ti lascio, aggrappati a questa terra che è così bella. Ti amo tesoro mio, sei stato la mia ragione di vita e so quanto bene mi vuoi, il mio animo è tranquillo e sono fiera di te.

Mamma

Se solo fosse veroultima modifica: 2009-11-16T10:36:18+01:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento