Cosa ci faccio qui?

E’ una domanda che ogni tanto mi faccio, a seconda dei posti in cui mi trovo. Quand’è che ci si sente veramente a casa? Dove, e soprattutto con chi? Basta un luogo specifico a fare casa, o casa possono essere tanti posti? Forse uno stesso luogo al tempo stesso è casa e non lo è, a seconda degli stati d’animo.

Prendiamo la casa dove tuttora abito, dove vivo dall’età di tre anni. In giornate come queste, in cui sono sola per molte ore, posso lavarmi i denti mentre giro per casa senza la mamma che si lamenta del dentifricio che potrebbe cadere a terra, ho il pc perennemente acceso e magari in contemporanea anche il lettore dvd, e l’unico fastidio è il cane che ogni tanto viene a farsi lanciare la pallina.. beh, allora la sento casa.
Molto più di quando squilla il telefono e mi trovo costretta a rispondere a domande decisamente sgradevoli. In quei momenti non è più tanto casa. Lo ridiventa quando sono via tutto il giorno e torno giusto in tempo per cenare, fare la doccia, aggiornare il blog, guardare la tv e dormire, ossia la vita che finalmente tornerò a condurre fra una decina di giorni.

E poi, cos’altro è casa per me? Casa è la Feltrinelli, che conosco in ogni angolo, e preferisco alla precedente perché si può leggere il giornale gratis. Casa è la biblioteca, dove mi rifornisco ogni 1-2 settimane di nuova linfa per la mia sete di libri. Casa sono alcuni scorci del Tigullio, gli alberi dal balcone, il golfo visto dal mare, la chiesa di Lavagna e le panchine di Paraggi con vista sul Covo. Casa è la zona di Sarzano, ma anche il giro che da San Matteo ti fa arrivare a Soziglia e poi risalire in via Luccoli. Casa sono i cinema, in particolare quelli con una o due sale, dove senti il gusto del film più di quello asettico dei pop corn. Casa è tutto ciò che rendo specchio di me: la mia camera, il mio profilo su Facebook, questo blog, la stanza di Neruda che arredo dentro e fuori dalla realtà.

E casa, un giorno, sarà casa davvero. E una macchina. E la mia collezione di dvd. E il mio computer portatile. E la paperina appoggiata sul divano accanto al quaderno del Piccolo Principe. Tutto qui.

 

Cosa ci faccio qui?ultima modifica: 2009-11-20T17:23:23+01:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento