In principio fu il Rifugio…

Quando ho capito di amare la scrittura? Un resoconto dettagliato delle mie aspirazioni, attività, sogni e delusioni richiederebbe tempo, oltre a una partenza che si perde nella notte dei tempi. Perché la fantasia, e tutto ciò che ne consegue, è un meccanismo che è entrato nella mia testa fin da quando ho imparato a pensare.

Passiamo allora alla domanda successiva: perché? La risposta l’ho imparata nel corso degli anni, e ha trovato una prima conferma quando un professore mi disse, a mezza via tra un intermezzo e una battuta, che la depressione non è cosa da sottovalutare. E io: macché, la mia vita è felice! E in quel momento, visto che nei secondi successivi sia le mie gambe che il mio naso rimasero della stessa lunghezza, ho capito che Pinocchio è una storia inventata, e che le bugie vanno riconosciute per ragioni che vanno oltre le eventuali metamorfosi del corpo.

 

Non ero felice. Scrivevo perché non ero felice, non avevo una vita, riempivo il mio tempo di palliativi e pensavo che vivere nei panni di qualcun altro fosse una soluzione più che accettabile. Fingere, sempre e comunque. Trasformarmi nei personaggi che via via hanno attraversato i fogli di carta e gli schemi dei computer, che il Rifugio, Leggendoscrivendo e altri hanno apprezzato ed elogiato, che si sono stampati in antologie cartacee o su siti web dedicati, che si sono trasformati in una proficua collaborazione con Patrizio, che ormai da cinque anni sopporta (e incoraggia? mah..) le mie pignolerie… beh, tutto questo era semplicemente per non dovermi fermare a riflettere su quanto mi sentissi sola.

 

Poi un’altra svolta è arrivata a porre un segno nel mio percorso: tre anni in cui la scrittura è diventata un ricordo, e in cui ho maturato una nuova consapevolezza, ossia che l’arte, la creatività, le passioni e i sogni sono per chi non ha una vita degna di questo nome. Gli infelici, come la Woolf, Van Gogh, Hemingway, Pavese: tutti creativi, tutti geniali, tutti morti per suicidio. E così ho pensato che se un giorno fossi tornata a scrivere (tentazione che ogni tanto sbucava…) voleva solo dire che ero un’infelice come tutti gli altri.

 

Tre anni, verso il termine dei quali una nuova svolta è arrivata: mi sono ritrovata a scrivere per lavoro. Non racconti, naturalmente, ma articoli giornalistici. Un genere nuovo, che nei temi scolastici mal sopportavo e che per dieci mesi e quattro giorni è stato il mio pane quotidiano. Un periodo che mi ha fatto ritrovare quell’amore che da sempre era parte di me, solo sopita in profondità, e che è riemerso in tutta la sua forza. Un periodo che mi ha insegnato tutto ciò che si deve, ma soprattutto che non si deve fare per scrivere con passione. E che, al termine di un periodo di sogni e lacrime, illusioni e disillusioni, ho trasferito in una nuova avventura. Per alcuni può essere degradante scrivere di soubrette o reality show, ma per me è stimolante.

 

Il giornalismo non fa per me. Se Marcello Lippi arriva al Ducale mentre sto pranzando (cosa realmente avvenuta), il giornalista molla tutto e scende giù, io invece penso “ma proprio mentre sono in pausa pranzo deve rompere i cosiddetti?“. Ciò che fa per me è la scrittura, punto e basta. Nel mio nuovo lavoro, nel quadernino che porto sempre con me e in questo blog che state leggendo, e che ho iniziato proprio per sancire questa nuova me stessa.

Che poi.. ci sarà qualcuno che mi legge? La verità è che non mi importa. Io ho una filosofia a riguardo: parafrasando Cartesio, bloggo dunque sono. Tutti dovrebbero avere un blog, ma non per acquisire lettori (a quello ci pensano già i media e i siti porno), piuttosto per estendere sé stessi all’infinito e tirare fuori ciò che si ha dentro, oltre che per tenersi in allenamento con la lingua italiana. Per me avere un blog è un modo per proiettare me stessa oltre il quotidiano che vivo e per mettere dei paletti forti in modo da non poter dire “ehi, ma questo io non l’ho mai detto“. E ormai mi rendo conto che se non lo avessi non sarei più la stessa.

In principio fu il Rifugio…ultima modifica: 2009-12-21T16:42:43+01:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento