Stakanov mi fa una…

Sono un’animale da lavoro. Dopo panzer e altre definizioni qui non ripetibili, è una delle cose più vere che mi sia mai stata detta. Non so che farci, è una di quelle cose più forti di me: non riesco a stare senza far niente. I tempi morti mi logorano, le pause caffé le trovo di per sé poco costruttive, a meno che non si parli di cose interessanti. Mi rilasso di più leggendo che guardando il Grande Fratello, che invece il più delle volte mi annoia.

 

I viaggi in treno che mi accompagnano da oltre dieci anni fanno parte dei momenti più costruttivi della mia vita: ci ho scritto racconti e corretto romanzi, ho mandato avanti quaderni su quaderni e fatto progetti, come quello che sta prendendo forma in questi giorni. E’ sempre nella mia testa, da quando mi sveglio a un secondo prima di addormentarmi, e mi accompagna ovunque crescendo come un germoglio. Di cosa si tratta? Del fatto che forse ho finalmente capito cosa voglio fare della mia vita, e al momento ho un anno (anzi, meno di undici mesi ormai) per provarci. Se ci riuscirò, benissimo. Se non ci riuscirò, me ne sbatterò altamente e lo farò lo stesso, perché mi piace troppo. Credo che sia questa la regola numero uno dei sognatori: fare le cose a prescindere.

Stakanov mi fa una…ultima modifica: 2010-01-05T16:56:36+01:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento