Pensa che ti ripensa

Sono in arrivo delle novità. Anzi, in un certo senso sono già arrivate: ogni tanto mi capita di ascoltare la mia voce e di non riconoscermi, e questa è decisamente la regina delle novità. Una parte di me sta lentamente diventando la persona che ho sempre sognato di essere. Poi c’è quell’altra, che arranca sempre un po’, dietro a quegli argomenti che da anni mi porto dietro ma di cui non mi va troppo di parlare.

 

Quando ho aperto questo blog ero in ricerca. Non cercavo qualcosa di preciso, cercavo e basta. Sapevo che una meta c’era, ma non precisamente quale fosse. Oggi ne so qualcosina in più, come quando il tizio della Protezione Civile ha domandato chi siete e cosa fate qui, e in due o tre hanno risposto, e se il giro fosse proseguito e fosse toccato a me, avrei saputo più o meno chiaramente cosa dire.

 

Novità, si diceva. Che in un certo senso potrebbero toccare anche questo blog, che tra poco compie un anno e come regalino merita di rinnovarsi un po’, e sposarsi a ciò che ho imparato negli ultimi mesi. Ho imparato a non arrabbiarmi se nevica. Che se non hai un blog non sei nessuno e se non hai amici sei ancora meno. Che se ami una cosa la fai anche senza pensare al profitto, ma devi amarla sul serio. Che i social network sono una gran bella invenzione, così come le panchine, i libri e i cappelli di pile. Che forse il mio inglese non è proprio da buttare via. E che non è mai troppo tardi per darsi una mossa.

Stay tuned.

Pensa che ti ripensaultima modifica: 2010-02-17T22:54:26+01:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Pensa che ti ripensa

Lascia un commento