Pensa che ti ripensa

Ci sono delle volte in cui ti metti lì e pensi. Pensi a chi sei stata, a chi sei, a chi sarai, a cosa la vita vuole da te. Pensi a quelle cose che hai fatto e che non rifaresti mai, pensi a tutto ciò che ti sei negata e al tempo perduto che vuoi recuperare. Pensi che se in una cosa non ti riconosci, allora bisogna chiudere la porta e ripartire.

 

Non sono mai stata una fanatica dell’aspetto fisico, ma i capelli sono sempre stati la mia mania. Negli ultimi dieci anni avrò cambiato almeno dieci tagli: bionda, rossa, viola, castana, con i ricci, corti, lunghi, con la frangetta, senza frangetta, con le meches, senza meches, stirati, non stirati. Ogni volta che ho un taglio nuovo, come in questi giorni, mi guardo allo specchio e mi vedo un’altra. Mi vedo stranamente bella, stranamente intrigante, e soprattutto mi vedo nuova.

 

Detta un po’ alla maniera povera, i miei capelli sono una metafora della vita. Quando una cosa non va bisogna – se le circostanze lo permettono – prendere e cambiarla. Come questo blog, che fra una settimana si farà un bel lifting. Perché quando l’ho aperto ero una ragazzina piena di dubbi e domande, che non toccava un quaderno da anni e non sapeva bene a cosa andava incontro. Ora sono una ragazza (senza diminutivi) con due o tre risposte in più, anche se il casino dentro e fuori la mia testa rimane.

 

Tutti i chili che ho perso mi hanno fatto cambiare anche il guardaroba, e scoprirmi alle casse dei negozi con in mano vestiti che mai avrei indossato fino a sei mesi prima mi fa sorridere ogni volta. E’ proprio vero che quando ti sfiora la malattia, o anche solo il sospetto, le prospettive in qualche modo cambiano.

 

E poi ci sono quei cambiamenti che non ti aspetti, ma che il destino ti porta a fare. Quelle persone che non vorrei perdere ma che sono troppo legate ai contesti che mi hanno fatta fuggire. Quei posti che vedevo ogni giorno e poi diventano un passato lontano che si tiene nascosto alla memoria come un parente scomodo. Quella vita che ogni giorno cambia, come ogni giorno cambio paio di orecchini, maglietta, calzini e tutto il resto. Solo la pettinatura resta sempre un gran disordine, come del resto ciò che contiene.

Pensa che ti ripensaultima modifica: 2010-03-16T22:56:48+01:00da honey986
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento